Novità

Leggete qui le ultime notizie sulle auto d'epoca.

Novità

Novità

Show espositivo AMAG è il nuovo membro del Swiss Industrial Heritage, un'offerta per la formazione e l'aggiornamento sulla storia della tecnica e la cultura industriale della Svizzera.

AMAG e EMPA

A cosa serve rifornire il proprio oldtimer con carburante sintetico, salire in montagna e poi affermare che i synfuel vanno bene per le auto d’epoca? A poco, visto che questo esperimento non può certo definirsi uno studio scientifico. Eppure è proprio quello che al momento stanno facendo AMAG e l’EMPA, testando i synfuel sulle auto d’epoca in diverse condizioni e per un periodo di tempo prolungato. Il loro lavoro include test intensivi sui materiali, test sui lubrificanti, test di guida in diverse condizioni e con diversi veicoli, misurazione delle prestazioni e test sulle emissioni. Da questi test conclusisi a fine 2023, per la prima volta emergono un’analisi e una valutazione qualitativamente e quantitativamente pulite che si spera dimostrino che i synfuel e le auto d’epoca sono compatibili e a quali condizioni lo sono. Con questa serie di test, AMAG e EMPA compiono un’ulteriore passo avanti anche a livello europeo, essendo questo il primo test noto che si occupa esclusivamente del rapporto tra auto d’epoca e synfuel.

www.empa.ch
www.amag.ch

Per tutti coloro che vogliono continuare a utilizzare il proprio veicolo d’epoca: investiamo in carburanti sostenibili 

Il futuro dell’auto in Europa e in Svizzera sarà elettrico. Tuttavia, in Svizzera, e soprattutto nel resto del mondo, il motore a combustione continuerà a ricoprire un ruolo apicale ancora per molto tempo. Di conseguenza, anche i carburanti sintetici rappresentano un fattore essenziale per garantire una mobilità a basse emissioni di CO2. Attualmente ci sono circa 1,3 miliardi di auto in circolazione in tutto il mondo. Secondo i calcoli dell’EMPA, soltanto in Svizzera saranno circa 2 milioni le autovetture con motore a combustione ancora in circolazione nel 2040, tra cui molte auto d’epoca e molti veicoli agricoli, come ad esempio il trattore Porsche. I carburanti sostenibili possono rappresentare una soluzione complementare all’elettrificazione e contribuire a un traffico stradale neutrale in termini di CO2. Se si riuscirà ad alimentare con carburanti sintetici le restanti autovetture con motore a combustione, si prevede che in Svizzera le emissioni di CO2 potrebbero subire una riduzione fino al 10%.

Il gruppo AMAG investe su apertura alla tecnologia e progresso

Alcune tecnologie per la decarbonizzazione della mobilità devono ancora essere inventate. Ecco perché, nell’ambito della propria strategia climatica, nel 2021 il gruppo AMAG ha introdotto una tassa interna sulla CO2, che viene utilizzata per finanziare un fondo aziendale per il clima e l’innovazione. Il denaro di questo fondo è destinato a supportare le start-up svizzere che sviluppano modelli di business o tecnologie per la decarbonizzazione della mobilità.

Il primo investimento è stata la partecipazione a Synhelion SA, un’azienda costituita nel 2016 al fine di introdurre sul mercato carburanti neutrali in termini di CO2. Un primo impianto pilota è stato messo in funzione nel 2019 sul tetto del Politecnico Federale di Zurigo (ETH), mentre un primo impianto di dimensioni industriali è attualmente in fase di costruzione ed entrerà in funzione nel corso del 2024. Per il processo di produzione dei carburanti sintetici, Synhelion utilizza il calore del sole per azionare un reattore termochimico in cui anidride carbonica e acqua vengono convertite in gas sintetico. L’energia solare termica prodotta durante il giorno può essere immagazzinata tramite accumulatori termici a costi contenuti, consentendo così di produrre carburanti sostenibili 24 ore su 24.

Conduciamo test per verificare se e come i carburanti sintetici funzionano nella vita di tutti i giorni

Come soluzione complementare all’elettrificazione nel traffico stradale, i carburanti sintetici possono contribuire alla neutralità in termini di CO2 del settore dei trasporti. Per il parco veicoli esistente, e quindi anche per tutti i veicoli storici, i carburanti sintetici rappresentano, in teoria, la soluzione più ovvia per ridurre le emissioni di CO2. Ad esempio, nel caso di Porsche, oltre il 70% di tutti i modelli prodotti è ancora oggi in circolazione. Sulle strade svizzere circolano addirittura la terza e la quarta Porsche più antiche, che risalgono al 1948, anno di fondazione dell’azienda. Anche molti trattori Porsche, prodotti in circa 120’000 esemplari tra il 1956 e il 1963, godono ancora oggi di grande popolarità.

 

Ma motori a combustione e carburanti sintetici sono compatibili? Questa domanda è attualmente oggetto di indagine da parte dell’EMPA in collaborazione con il gruppo AMAG. In diverse serie di esperimenti e test di guida vengono esaminate sia la compatibilità dei carburanti sintetici con i materiali e i componenti dei veicoli d’epoca, sia le emissioni di gas di scarico. Alla luce dei primi risultati, i responsabili sono molto fiduciosi.

Inserisci qualcosa in questo campo
Inserisci qualcosa in questo campo
Inserisci qualcosa in questo campo
Dichiarazione di assenso

AMAG Classic inizia i test di guida con carburanti sintetici

I carburanti sintetici possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici, ma possono essere utilizzati senza problemi nei motori a combustione più datati? Da alcuni giorni, in un progetto nato dalla collaborazione con Empa, AMAG Classic Schinznach-Bad sta testando i carburanti sintetici su veicoli selezionati, nell’utilizzo reale.

Per il parco veicoli esistente e quindi anche per tutti i veicoli storici in Svizzera, i carburanti sintetici (ovvero prodotti artificialmente) da idrogeno e anidride carbonica realizzati con energie rinnovabili sono in teoria la soluzione più vicina per la riduzione di CO2. Ma la tecnologia di una volta è compatibile con i carburanti di nuova generazione? Questa questione è oggetto di indagine da parte di Empa, il Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca, in collaborazione con il gruppo AMAG. In diverse serie di test, oltre alla compatibilità dei carburanti sintetici con i materiali e i componenti dei veicoli d’epoca, vengono analizzati sia il comportamento dei motori dei veicoli d’epoca nel loro tipico uso solo sporadico a fronte dell’utilizzo di carburanti sintetici sia le emissioni di scarico.

Da alcuni giorni gli esperti di AMAG Classic di Schinznach-Bad stanno testando carburanti sintetici su veicoli selezionati. Dopo una verifica precedente dei materiali e della compatibilità dei componenti rilevanti del veicolo tra il serbatoio e l’iniezione, ovvero il carburatore, svolta tra l’autunno 2022 e l’aprile 2023, i test di guida attuali devono ora mostrare come si comportano i carburanti sintetici nell’utilizzo reale.

Com’è noto, il funzionamento reale delle auto d’epoca significa che i veicoli vengono guidati una volta, quindi vengono riposti e per poi essere utilizzati la volta successiva con il bel tempo. Questo funzionamento irregolare ha effetti diversi sui singoli componenti rispetto a un uso quotidiano.

La serie di test ha lo scopo di dimostrare se saranno soddisfatte le speranze dei proprietari di veicoli d’epoca di poter guidare anche in futuro le loro auto classiche contenendo le emissioni di CO2.

I test di compatibilità dei materiali già effettuati non hanno mostrato particolari anomalie, un risultato importante come base decisionale per l’avvio dei test di guida. I risultati del test sono ancora in fase di valutazione dettagliata. Contemporaneamente ai test di guida viene inoltre verificato se l’uso di carburanti sintetici influisce sull’olio motore utilizzato. Già prima dei test di guida reali, l’azienda Motorex ha effettuato i relativi chiarimenti preliminari. Verso la fine della serie di test, le misurazioni della potenza e dei gas di scarico completeranno la struttura di test.

Empa sta studiando nuovi processi per la produzione di fonti di energia e carburanti sintetici. Il responsabile degli esami Christian Bach, responsabile del reparto Sistemi di propulsione dei veicoli, dichiara: «In teoria, le auto più vecchie possono essere alimentate a lungo termine con il nuovo carburante e i primi risultati sostengono questa teoria. Tuttavia, se questo non verrà chiarito, probabilmente un collezionista dovrà usare carburanti sintetici nei veicoli talvolta costosi.»

Helmut Ruhl, CEO del gruppo AMAG, è convinto: «Il carburante sintetico è la soluzione per far sì che in futuro anche le auto d’epoca, vero patrimonio culturale, continuino a circolare insieme al normale parco veicoli esistente. Per le autovetture con motore a combustione, pari a 1,3 miliardi in tutto il mondo, questa tecnologia può contribuire in modo significativo alla riduzione delle emissioni di CO2. Ecco perché il gruppo AMAG ha partecipato all’azienda svizzera Synhelion, che dal 2025 intende produrre energia solare in quantità industriali.»

Un concentrato di potenza AMAG allo Swiss Classic World

Quando il 27 maggio a Lucerna lo Swiss Classic World aprirà i suoi battenti, AMAG sarà presente per la prima volta con un unico stand di AMAG Classic Schinznach-Bad e del Porsche Zentrum Zürich, Classic Partner di Schlieren. Così, visitatrici e visitatori potranno farsi un’idea delle competenze del gruppo AMAG in materia di auto d’epoca. Pezzi d’esposizione selezionati sono dedicati all’Automontage di Schinznach-Bad, che ha cessato la propria attività 50 anni fa.

Nel corso degli anni, lo Swiss Classic World di Lucerna si è evoluto, diventando la più importante fiera della Svizzera dedicata ai modelli classici e agli oldtimer. Quest’anno, dal 27 al 29 maggio, il salone si terrà di nuovo nell’area espositiva di Lucerna.

Dopo aver presenziato l’anno scorso con due diversi stand, quest’anno AMAG Automobili e motori SA e AMAG First AG hanno deciso di unire le loro forze. Il gruppo AMAG domina il padiglione 2 con un grande stand e presenta la sua intera offerta di auto d’epoca alle visitatrici e ai visitatori della fiera su una superficie di 400 m2.

La 356, la 911, e molte altre ancora. Il Porsche Zentrum Zürich presenta una selezione dei suoi suggestivi veicoli Porsche Classic, illustrando agli astanti il motivo per cui nel tempo così tanti modelli Porsche sono diventati leggendari. Che particolari testimoni del tempo necessitino di una particolare manutenzione viene mostrato direttamente in loco con un progetto di restauro storico.

AMAG Classic Schinznach-Bad porta nuovamente con sé alcuni pezzi d’esposizione risalenti all’epoca dell’Automontage, tra cui una Standard Vanguard dei primi anni ‘50, una Chrysler Windsor del 1957 recuperata in un fienile dopo quasi 40 anni, una Dodge Dart del 1970 e due scooter a marchio ami, anche questi prodotti a Schinznach. Altri veicoli, disponibili anche per l’acquisto, completano l’esposizione.

Nell’area ristoro privata, tra le altre cose, un Bulli adibito a furgoncino della birra provvederà a dissetare i presenti.

Infine, con un po’ di fortuna, i visitatori e le visitatrici potranno vincere interessanti premi nell’ambito del concorso che si terrà presso lo stand, come ad esempio il noleggio di un oldtimer per un fine settimana.

L’Automontage Schinznach AG

Nel secolo scorso, per ragioni di natura fiscale, in Svizzera sono stati assemblati interi veicoli di produttori esteri. Così Schinznach-Bad più di 70 anni fa è diventata uno dei maggiori centri di produzione automobilistica della Svizzera. Nel 1947, a Schinznach-Bad si prospetta la possibilità di acquistare un ex cementificio con annessi capannoni di produzione. Lo stesso anno la fabbrica viene convertita in un impianto di assemblaggio di automobili all’avanguardia per i tempi. Nel 1949 l’azienda ASAG (Automontage Schinznach AG) inizia ad assemblare le prime berline dei marchi Plymouth e Standard.

Nel corso degli anni le ragioni fiscali passano sempre più in secondo piano. Le auto di Automontage convincevano per una qualità finale nettamente superiore rispetto a quella dei veicoli finiti consegnati dagli Stati Uniti. «Montage Suisse» diventò un marchio di qualità.

Poi però, verso la fine degli anni ‘60, l’industria automobilistica americana cedette nuovamente alle manie di grandezza in fatto di cilindrata e potenza. Inoltre, l’abolizione di un tasso di cambio fisso dollaro/franco svizzero causò la svalutazione del dollaro. Così, l’interesse generale per le Plymouth Valiant e Dodge Dart, le cui dimensioni avevano ripreso ad aumentare, andò scemando. L’attività di Automontage cessò di essere redditizia. L’assemblaggio nello stabilimento di Schinznach, iniziato con una Plymouth, terminava 50 anni fa un’altra volta con una Plymouth Valiant dopo 29’227 unità fabbricate.

Empa e AMAG testano la compatibilità dei carburanti sintetici

I carburanti sintetici possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici. Ma possono essere utilizzati senza problemi nei motori a combustione tradizionali? Questa questione è oggetto di indagine da parte dell’Empa in collaborazione con il gruppo AMAG.

Anche se ormai è evidente che in futuro le autovetture saranno in gran parte alimentate a batteria, ci vorranno ancora molti anni prima che la maggioranza del parco veicoli esistente venga convertita. Inoltre, stando a uno studio della Swiss Historic Vehicle Federation (SHVF), in Svizzera ci sono anche circa 156’000 veicoli d’epoca (più vecchi di 30 anni) e numerosi youngtimer immatricolati.

Per questo parco veicoli, i carburanti sintetici (ovvero prodotti artificialmente) a base di idrogeno generato da fonti rinnovabili e anidride carbonica, in teoria, sono la soluzione più ovvia per ridurre le emissioni di CO2. Ma la tecnologia di una volta è compatibile con i carburanti di nuova generazione? Questa questione è oggetto di indagine da parte dell’Empa, il Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca nel settore dei Politecnici, in collaborazione con il gruppo AMAG. In diverse serie di test, oltre alla compatibilità dei carburanti sintetici con i materiali e i componenti dei veicoli d’epoca, vengono analizzati sia il comportamento dei motori dei veicoli d’epoca nel loro tipico uso sporadico a fronte dell’utilizzo di carburanti sintetici, sia le emissioni di scarico.

La serie di test ha lo scopo di dimostrare se saranno soddisfatte le speranze dei proprietari di veicoli d’epoca di poter guidare anche in futuro le loro auto classiche contenendo le emissioni di CO2.

Christian Bach, responsabile dei test presso l’Empa, ha dichiarato: «In teoria, non c’è nulla che impedisca alle auto più datate di essere alimentate a lungo termine con il nuovo carburante; tuttavia, se questa questione non verrà chiarita la nuova benzina difficilmente sarà utilizzata in tali veicoli, in parte molto costosi. Dato che i carburanti sintetici sono attualmente prodotti solo in piccole quantità, la prima sfida è stata quella di trovare un carburante adatto sul mercato».

Dino Graf, responsabile anche della collezione di veicoli storici del Gruppo AMAG, aggiunge: «Il carburante sintetico è la soluzione per garantire che gli «Oldtimer», vero patrimonio culturale, possano continuare a circolare in futuro, quasi a impatto zero come un’auto elettrica. Questo è uno dei motivi per cui il gruppo AMAG ha acquisito una partecipazione nell’azienda svizzera Synhelion, che prevede di produrre molto presto combustibili solari in quantità industriali».

La sperimentazione inizierà nell’estate del 2022 e durerà circa un anno.

 

L’AMAG Classic Day ricorda l’Automontage

AMAG Schinznach-Bad vanta una lunga storia di successo: dal 1948 il gruppo AMAG importa Volkswagen in Svizzera, nel 1951 arriva Porsche, seguita nel 1967 da Audi, da SEAT nel 1984 e, nel 1992, da Škoda. Dal 1949 al 1972, inoltre, a Schinznach-Bad, la sede di importazione, vengono montati circa 30’000 veicoli dei marchi Chrysler, Plymouth, Dodge, DeSoto, Standard, Studebaker e VW Karmann-Ghia.

Ora, cinquant’anni dopo la fine dell’«Automontage Schinznach» e un anno dopo l’inaugurazione di AMAG Classic, il primo centro di competenza per oldtimer e youngtimer, dal 25 al 26 giugno 2022 si è tenuto a Schinznach-Bad il primo «AMAG Classic Day». L’«Automontage Schinznach» è anche il tema di una mostra speciale. Ex apprendisti intrattengono i presenti con racconti dei tempi andati, mentre i visitatori possono scoprire veicoli di Schinznach selezionati risalenti al periodo tra il 1949 e il 1972 e lasciarsi trasportare dalle visite guidate attraverso i vecchi capannoni di montaggio del passato.

Particolarmente benvenuti sono i proprietari e le proprietarie di veicoli di tutti i «marchi AMAG» con più di 20 anni, quindi dal Maggiolino Volkswagen alla Chrysler Valiant, dal Bulli Volkswagen alla Audi quattro, dalla Standard Vanguard alla Škoda Favorit, dalla SEAT 600 alla Porsche 911. Ovviamente, i responsabili di AMAG Classic saranno felici di accogliere tutti gli altri youngtimer e oldtimer così come le visitatrici e visitatori sprovvisti di auto d’epoca.

Chi non possiede ancora un oldtimer, ma vuole comunque vivere una particolare esperienza di guida, può fare un giro di prova a bordo di un’auto d’epoca durante il Classic Day. L’intrattenimento culinario e musicale, poi, non mancheranno: un punto ristoro, diversi food truck e un complesso musicale completeranno il piacevole programma della giornata. Per gli ospiti più piccoli sono previste anche alcune attrazioni e un concorso di disegno. A soli pochi minuti a piedi dall’area dedicata agli eventi, un’esperienza speciale allieterà i presenti: per la prima volta, una parte della collezione storica AMAG apre le sue porte al pubblico interessato.

L’ingresso per visitatrici e visitatori con o senza auto d’epoca è gratis.

Apertura sabato 25.6.: ore 12.00–20.00, domenica 26.6.: ore 09.00–16.00

L’Automontage Schinznach AG

Con aziende come Martini, Turicum e altre, la Svizzera vantava una produzione propria di automobili e dotava anche i modelli dei marchi prestigiosi di carrozzerie esclusive. Ma in terra elvetica si effettuava anche l’assemblaggio completo di vetture straniere. Così Schinznach-Bad più di 70 anni fa è diventata uno dei maggiori centri di produzione automobilistica della Svizzera. Nel 1947, a Schinznach-Bad si prospetta la possibilità di acquistare un ex cementificio con annessi capannoni di produzione. La fabbrica era fallita già prima della Seconda guerra mondiale e durante il conflitto i capannoni erano stati usati dall’esercito come magazzini per la paglia e il fieno. Lo stesso anno la fabbrica viene convertita in un impianto di assemblaggio di automobili all’avanguardia per i tempi. Nel 1949 l’azienda ASAG (Automontage Schinznach AG) inizia ad assemblare le prime berline dei marchi Plymouth e Standard.

Ma perché mai un’azienda che importava automobili avrebbe dovuto assemblare i veicoli nel proprio Paese? Come spesso accade in questi casi, il motivo principale era di natura fiscale. Le autorità doganali svizzere imponevano dei dazi quasi protezionistici sulle auto assemblate provenienti dagli USA, mentre le importazioni di componenti erano molto economiche perché creavano posti di lavoro.

Nel corso degli anni le ragioni fiscali passarono sempre più in secondo piano. L’assemblaggio di auto convinse per una qualità finale nettamente superiore rispetto ai veicoli finiti consegnati dagli Stati Uniti e «Montage Suisse» diventò un marchio di qualità.

Poi però, verso la fine degli anni ‘60, l’industria automobilistica americana cedette nuovamente alle manie di grandezza in fatto di cilindrata e potenza. Inoltre, l’abolizione di un tasso di cambio fisso dollaro/franco svizzero causò la svalutazione del dollaro. Anche l’interesse generale verso le sempre più evolute Valiant e Dart andò scemando. Nel frattempo, con l’acquisizione di Auto Union AG da parte di Volkswagen, AMAG si ritrovò improvvisamente a disporre di una nuova offerta a bassi consumi per la fascia media e medio-alta con modelli come l’Audi 90 o l’Audi 100. La richiesta di vetture assemblate in Svizzera subì un calo progressivo e l’attività di Automontage cessò di essere redditizia. L’assemblaggio nello stabilimento di Schinznach, iniziato con una Plymouth, terminò 50 anni fa dopo 29’227 unità fabbricate.

Inoltre, nella sede di Schinznach, gli impianti di assemblaggio si fermarono. 
Oggi, dopo diverse ristrutturazioni, i padiglioni di assemblaggio ospitano una grande officina con reparto lattoneria, verniciatura e magazzino ricambi. Dopo oltre 70 anni, Schinznach-Bad è ancora oggi una sede importante per le officine e dal 2021 è inoltre sede di AMAG Classic.

Die AMAG Classic

Un team specializzato si occupa dei veicoli d’epoca appartenenti a tutti i marchi del gruppo AMAG, indipendentemente dal fatto che si tratti di un Maggiolino Volkswagen, una Volkswagen Golf , un Bulli, una Audi quattro, una Škoda Favorit, una SEAT Ibiza o anche auto americane risalenti all’epoca di Automontage Schinznach. Il personale specializzato di AMAG Classic, che conosce molto bene i veicoli classici, fornisce assistenza anche per tutti gli oldtimer e youngtimer di qualsiasi marchio. 

AMAG Classic offre:

  • assistenza e riparazioni di modelli classici di tutti i marchi «AMAG» (inclusi veicoli che erano stati montati presso la sede AMAG di Schinznach-Bad tra il 1949 e il 1972)

  • restauri (inclusi carrozzeria e lavori di verniciatura nella propria officina) 

  • ricerca di pezzi di ricambio

  • eventi

  • noleggio di veicoli d’epoca

  • acquisto e vendita di oldtimer e youngtimer 

Inoltre, la sede AMAG di Schinznach-Bad continuerà anche a essere un affidabile partner dei marchi Volkswagen, Volkswagen Veicoli Commerciali e Škoda nonché partner di servizio per Audi.

AMAG Group AG investe in Synhelion

Il gruppo AMAG ha una chiara strategia per il clima e intende diventare un’azienda a impatto climatico zero entro il 2025. Un fondo per il clima e l’innovazione sostiene iniziative e start-up che contribuiscono alla decarbonizzazione. Oggi AMAG Group AG si assume il suo primo impegno investendo in Synhelion, spin-off del Politecnico federale di Zurigo.

Il futuro della mobilità nel settore delle autovetture sarà elettrico. Su questo punto l’opinione è unanime. Nel segmento delle vetture nuove, oggi quasi tutte le principali case automobilistiche puntano su veicoli elettrici a batteria per ridurre le emissioni di CO2. Nei prossimi anni arriveranno sul mercato molti nuovi modelli. Basti pensare che quest’anno solo AMAG Import lancia, insieme ai suoi partner commerciali autorizzati, otto nuovi BEV e sette nuovi PHEV. Nel 2025 prevede di conquistare una quota di mercato pari al 50% nel comparto dei veicoli a ricarica, che nel 2030 dovrebbe superare il 70%.

Tuttavia, esistono anche altri mezzi di trasporto e una quantità non trascurabile di vetture le cui emissioni di CO2 possono essere altrettanto ridotte. Senza dimenticare i quasi 200 000 veicoli d’epoca con cui i proprietari e le proprietarie hanno intenzione di continuare a viaggiare anche in futuro.


Una soluzione per questi veicoli potrebbe essere l’impiego di combustibili sintetici prodotti utilizzando energia rinnovabile ricavata dal CO2.

Solar fuel prodotti con il calore del sole

La start-up svizzera Synhelion, spin-off del Politecnico di Zurigo, ha sviluppato una soluzione interessante che consiste nell’impiego di energia solare termica all’interno del suo processo al posto dell’elettricità generata dall’energia solare. I «solar fuel» sono realizzati utilizzando il calore del sole, che aziona un reattore termochimico. All’interno del reattore, l’anidride carbonica e l’acqua vengono prima convertite in syngas, che successivamente è a sua volta trasformato in carburante liquido come la benzina o il diesel solare. Le regioni assolate offrono le condizioni ideali per la produzione di combustibili solari, in particolare le zone desertiche o semiaride con un’elevata esposizione all’irraggiamento solare. L’energia solare termica prodotta durante il giorno può essere immagazzinata attraverso accumulatori termici a costi contenuti, consentendo così di produrre combustibili 24 ore su 24. L’immagazzinamento rende questi impianti per la produzione di combustibili solari autosufficienti e indipendenti da una rete, consentendone una diffusione rapida e su ampia scala. Attraverso le corrispondenti economie di scala è possibile ridurre velocemente i costi di produzione dei combustibili.

Attualmente i solar fuel, così come gli e-fuel, non sono ancora disponibili sul mercato.

Synhelion SA ha sede a Lugano e sviluppa tecnologie solari all’avanguardia con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 a livello globale. L’azienda è stata fondata nel 2016 al fine di introdurre sul mercato i combustibili solari. Un primo impianto pilota è stato messo in funzione nel 2019 sul tetto del Politecnico, mentre nel 2022 è prevista la costruzione di un secondo impianto di dimensioni industriali che entrerà in funzione nel 2023.

Primo investimento del nuovo fondo per il clima e l’innovazione di AMAG

Nel 2021 il Gruppo AMAG ha gettato le basi e definito la sua strategia climatica: ridurre, eliminare e, ove necessario, compensare. Così, AMAG intende diventare a impatto zero come azienda entro il 2025. Inoltre, AMAG punta a raggiungere un’impronta climatica neutrale secondo Net Zero entro il 2040. Da oggi un fondo per il clima e l’innovazione sostiene iniziative e start-up che contribuiscono alla decarbonizzazione.

Il primo investimento interessa attualmente Synhelion. AMAG Group AG e Synhelion SA hanno concordato una partecipazione.

Il CEO di AMAG Helmut Ruhl: «Anche se la maggior parte delle automobili del futuro sarà elettrica, è importante offrire anche soluzioni a impatto climatico zero per le flotte di veicoli esistenti. Questo perché siamo responsabili anche nei confronti del nostro patrimonio culturale, ossia dei veicoli tradizionali. Sfruttando l’energia solare, la start-up svizzera Synhelion ha trovato un modo molto interessante per produrre combustibili che possono essere utilizzati nei tradizionali motori a combustione. Qualora fosse possibile farlo in grandi quantità e a prezzi adeguati, allora questa potrebbe essere una soluzione adatta a diversi mezzi di trasporto. Puntiamo sulla tecnologia, l’innovazione e l’imprenditorialità per dare il nostro contributo agli obiettivi climatici della Svizzera».

Il CEO e co-fondatore di Synhelion Gianluca Ambrosetti: «I nostri combustibili solari ci permettono di sostituire i combustibili fossili e fornire un contributo importante alla decarbonizzazione nel settore dei trasporti. Per ridurre tempestivamente le emissioni di CO2 nei trasporti sono necessarie molteplici strategie. La nostra tecnologia offre una soluzione economica, efficiente e rapidamente scalabile, in particolare per i veicoli in pronta consegna e per le lunghe distanze. Siamo felici che un altro partner forte come AMAG sia al nostro fianco nella lotta per una mobilità a zero emissioni di CO2.

Altri argomenti